I nostri articoli

Arbitrato – Come decide l’arbitro?

Pubblicato da pubblicato in Servizi per le imprese

Se sei coinvolto in una controversia, probabilmente hai preso in considerazione l’eventualità di ricorrere all’arbitrato. L’arbitrato è una modalità di risoluzione alternativa delle controversie (ADR), in cui l’esito del contenzioso sarà deciso da un arbitro. Non occorrerà andare in tribunale, e, in alcuni casi, non sarà nemmeno necessario incontrare la controparte per discutere la questione. L’arbitro deciderà cosa fare; ma come arriva a tale decisione?

In questo articolo analizzeremo come funziona l’arbitrato e come l’arbitro ne determina l’esito.

Breve descrizione dell’arbitrato

L’arbitrato consente di risolvere una controversia senza recarsi in tribunale. Entrambe le parti rimettono la loro causa a un terzo indipendente denominato arbitro, il quale dedicherà del tempo ad ascoltare entrambe le parti e a prendere in esame le prove presentate da queste ultime. L’arbitro adotterà quindi una decisione sulla base delle informazioni a disposizione e stabilirà l’esito dell’arbitrato. Potrebbe aver bisogno di incontrare più volte le parti prima di giungere a una decisione.

La decisione dell’arbitro è denominata “lodo”, ed è giuridicamente vincolante. Qualora una parte non dovesse essere d’accordo con la decisione dell’arbitro potrà rimettere la causa al tribunale per la modifica della decisione.

Qual è la procedura per la risoluzione di una controversia tramite arbitrato?

In genere, l’arbitro stabilirà la procedura da seguire. Entrambe le parti avranno l’opportunità di fornire la loro versione del caso e presentare elementi di prova a supporto. Avranno inoltre la possibilità di rispondere alla domanda presentata dall’altra parte.

L’arbitro raccoglierà tutte le prove e prenderà in considerazione la pretesa sulla base esclusivamente delle prove presentate. In alcuni casi, potrà chiedere a una o entrambe le parti di presentare ulteriori dettagli. Nelle cause che riguardano i consumatori, l’arbitro può decidere di effettuare un sopralluogo presso le parti per ispezionare i beni o servizi oggetto della pretesa.

Cosa accade se non sono disponibili prove sufficienti affinché l’arbitro possa giungere a una decisione?

In casi particolarmente complessi, le prove scritte possono non essere sufficienti affinché l’arbitro possa giungere a una decisione. L’arbitro dovrà quindi accordarsi per incontrare le parti. La decisione sulle procedure necessarie al fine di raccogliere prove sufficienti per decidere in merito alla causa spetta all’arbitro. Egli può anche richiedere una consulenza tecnica per acquisirei una relazione tecnica o come ausilio per raggiungere una decisione.

Una volta adottata una decisione, entrambe le parti riceveranno una copia della stessa con l’indicazione dettagliata dei motivi alla base della decisione e di eventuali risarcimenti accordati.

Cosa accade in caso di decisione a mio favore?

Una volta presentate tutte le prove e seguite eventuali procedure ulteriori, l’arbitro emetterà un lodo. Può anche stabilire che l’altra parte debba versare le tue spese legali per la rimessione della causa all’arbitrato. Potresti anche avere diritto a interessi sulla domanda, che saranno versati a partire dalla data del lodo fino alla corresponsione dell’importo dovuto. Il lodo può essere registrato in tribunale, affinché tu lo possa eseguirlo.

Cosa accade se perdo la causa oggetto di arbitrato?

In caso di esito negativo, può essere molto difficile contestare la decisione dell’arbitro. Non si può semplicemente impugnare la decisione; si potrebbe presentare comunque appello in tribunale su una questione di diritto. Se ritieni che la causa non sia stata gestita correttamente dovresti richiedere la consulenza di un avvocato il prima possibile.

Qual è la durata dell’arbitrato?

In genere l’arbitro decide entro 45 giorni dalla conclusione del giudizio. I tempi per l’emanazione di una decisione staranno stabiliti mediante accordo tra le parti e l’arbitro.

Potrebbero inoltre essere previste delle scadenze all’interno del processo; per esempio, potrebbero essere previsti dei termini entro cui replicare alle prove o alle osservazioni dell’altra parte; è essenziale rispettare tali scadenze.

Contatta IMD Solicitors

Il nostro team è specializzato nella risoluzione delle controversie commerciali, e persegue l’obiettivo di raggiungere un accordo transattivo adatto alle tue esigenze. Attraverso la risoluzione alternativa delle controversie (ADR), puntiamo al raggiungimento di soluzioni rapide e pragmatiche dal punto di vista commerciale, giuste per la tua azienda. Contattaci per sapere come possiamo aiutarti.

Questo articolo è solo per informazione generale e non costituisce una consulenza legale o professionale. Si prega di notare che la legge potrebbe essere cambiata da quando questo articolo è stato pubblicato.

Pubblicato da:

Marcin Durlak Managing Partner

Servizi per le imprese – IMD Solicitors LLP

Chiama ora per discutere il tuo caso: 0330 159 5968
Richiedi una richiamata lun - ven: 9am -5:30pm

Premi e accreditamenti